I fatti del 2 febbraio, post Juventus Fiorentina, avevano lasciato una strascico. Dopo la raffica di multe ai dirigenti viola per le polemiche contro la direzione arbitrale, la Procura Federale aveva aperto un fascicolo sulle parole del presidente Commisso. Ieri la sentenza: multa di 10.000 euro all’imprenditore viola e 6.000 euro alla società.

Lo sfogo di Rocco Commisso post Juventus Fiorentina del 2 febbraio porta l’ennesima sanzione in casa Fiorentina. Le parole del presidente in particolare sul rigore assegnato per fallo di Ceccherini su Bentancur e sull’uso della VAR sono state sanzionate con 10 mila euro di multa e altri 6 mila per la Fiorentina per responsabilità diretta. Questa la motivazione della sentenza della Procura Federale. Per avere “espresso pubblicamente dichiarazioni lesive della reputazione della classe arbitrale, ed in particolare dell’arbitro del citato incontro“. Ricordiamo che l’arbitro era il signor Pasqua di Tivoli e che il post gara allo Stadium era già causa di pesanti multe nei confronti di tutti i dirigenti gigliati.

Articolo precedenteBonaventura svincolato dal Milan: la Fiorentina in prima fila
Articolo successivo#iorestoacasa l’appello di Chiesa e compagni, intanto si ferma l’Europa League

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui