Napoli Fiorentina 0-0. Una Viola tatticamente perfetta ferma, con cuore e coraggio, la corsa azzurra al San Paolo. Veretout e Sportiello sugli scudi.

Primo tempo

Il Napoli parte a testa bassa, ma la Fiorentina regge botta e passati i primi dieci minuti di sfuriata azzurra prende coraggio. Thereau e Simeone partecipano alla manovra e alzano il baricentro viola. Badelj orchestra in mezzo al campo, sorretto da Veretout muscoli e corsa. Sono degli ospiti le migliori occasioni del primo tempo, entrambe con Simeone protagonista. Al 40′ il Cholito, smarcato da Thereau di testa, si invola sulla destra ma calcia addosso a Reina. Dopo appena un minuto, cross perfetto dalla sinistra di Biraghi, ma l’incornata del numero 9 gigliato è centrale.

Secondo tempo

La squadra di casa inizia ancora a tutta. Doppia occasione per Zielinski che spreca nel primo caso, mentre nel secondo caso è bravo Sportiello a deviare sul palo. Pioli si copre togliendo Thereau ed inserendo Sanchez. Centrocampo più folto, con Chiesa (sostituito da Gil Dias) e Simeone come riferimenti d’attacco. La Fiorentina però non riesce più a rendersi pericolosa. Sul finale è Mertens a tu per tu con il portiere viola che resta in piedi e para sull’attaccante partenopeo.

Video sintesi Napoli Fiorentina

https://www.youtube.com/watch?v=fs6ploI6dJs

Napoli fermato sullo 0-0 come Juventus, Inter e Roma. Fiorentina che dopo l’Olimpico, contro la Lazio, tiene testa fuori casa ad una squadra di alta classifica. La Sampdoria, con una partita in meno, resta a cinque punti.

Il tabellino

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Zielinski. All. Sarri

Fiorentina (4-3-3): Sportiello; Laurini, Pezzella, Astori, Biraghi; Badelj, Veretout, Benassi; Chiesa, Simeone, Thereau. All. Pioli

Arbitro: Fabbri di Ravenna

Ammoniti: Badelj (F), Veretout (F), Gaspar (F), Diawara (N), Rog (N)

Articolo precedenteFederico Chiesa è l’oro di Firenze. Oggi al San Paolo è ritorno al futuro?
Articolo successivoPortieri alla ribalta da Viviano a Sorrentino: top e flop della Serie A.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui