La Fiorentina supera per 4-1 la Juventus ed è la prima finalista della Viareggio Cup. Emozioni a non finire. La vittoria dei ragazzi viola mai in discussione.

JUVENTUS: Loria; Meneghini, Delli Carri, Capellini, Zanandrea; Muratore, Fernandes, Merio; Fagioli; Montaperto, Kulenovic. Allenatorre: Alessandro Dal Canto

FIORENTINA: Ghidotti; Mosti, Ceccacci, Pinto, Ranieri; Lakti, Valencic, Diakhatè; Maganjic, Gori, Sottil. Allenatore: Emiliano Bigica

Gara numero 3000 del Torneo di Viareggio. La Juventus è imbattuta nelle semifinali della competizione dal 1981. Si sfidano il club con maggior numero di successo, la Juventus (9 vittorie come il Milan) e la Fiorentina che è ferma ad 8 vittorie.

Primo tempo

Dopo appena un quarto d’ora la Fiorentina è già in doppio vantaggio. La prima rete la segna Lakti che in area di rigore vince un contrasto e piazza un bel diagonale che non lascia scampo a Loria. Al 13′ è il capitano Diakhatè a raddoppiare in mischia sugli sviluppi di un corner. Al 40′ episodio dubbio in area bianconera, con trattenuta ai danni di Maganjic. Primo tempo che finisce con la Fiorentina in vantaggio sulla Juventus per 2-0.

 

Secondo tempo

Passano cinque minuti e la Juventus accorcia con un gran tiro dalla distanza di Montaperto. I bianconeri tornano in partita, ma solo per pochi minuti perché al 52′ ci pensa il solito Gori che ruba palla al difensore Zanandrea e con freddezza batte Loria per il 3-1 viola. Quarta rete al Viareggio per il giovane bomber e i tifosi viola sugli spalti lo ringraziano con il coro Gori-gol. Al 90′ succede di tutto. L’arbitro fischia un rigore per la Fiorentina. Prende la palla Diakhate, ma Riccardo Sottil non accetta il gesto del capitano. Un po’ di scintille. Il senegalese si fa parare il rigore. Poi due minuti dopo, incursione di Sottil che mette proprio Diakhate nella condizione di segnare la sua personale doppietta. Risultato finale, Fiorentina batte Juventus 4-1. In finale i ragazzi di Bigica attendono la vincente di Inter-Parma.

 

 

Articolo precedenteStefano Pioli racconta quella maledetta domenica: “Sembrava dormisse”.
Articolo successivoFiorentina, porte girevoli! In partenza uno fra Sportiello e Dragowski.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui