Il nuovo difensore della Fiorentina Igor ha preso la parola all’interno della sala stampa del Franchi in occasione della conferenza di presentazione. Tanti sono gli argomenti trattati dal centrale viola: ecco le sue parole.

Dopo il buon esordio di domenica scorsa a Torino contro la Juventus (LEGGI QUI), oggi Igor, nuovo difensore della Fiorentina è stato presentato alla stampa. Il centrale brasiliano, arrivato nel corso dell’ultimo giorno del mercato di gennaio dalla Spal, in prestito con obbligo di riscatto, ha parlato presso la sala stampa “Righini” del Franchi. Ecco le dichiarazioni di Igor, il nuovo numero 3 viola:

Sul perché ha scelto la Fiorentina e sulla freddezza mostrata nell’esordio a Torino: “La scelta di Firenze è perché fin da piccolo volevo giocare in una grande squadra: seguivo fin da piccolo la Fiorentina e sono rimasto felice per l’esito positivo della trattativa. Non posso sapere per quanti anni potrò rimanere qui ma è certo che finché sarò qui, darò la vita per questa squadra… La mia tranquillità in campo? Ho sempre giocato a calcio, faccio quello che mi piace quindi non vedo perché devo essere nervoso. A maggior ragione per la posizione che occupo in campo. Sì, la freddezza è una delle caratteristiche che ho“.

Sulle sue caratteristiche e i suoi idoli: “Mi piace molto Van Dijk del Liverpool, ma anche Sergio Ramos, Thiago Silva: il mio obiettivo è cercare di migliorare per arrivare al loro stesso livello. Sicuramente la mia posizione preferita in campo la mia posizione preferita è quella di centrale ma mi esprimo bene anche come terzino sinistro. Sono molto giovane e ho piacere di ricevere consigli da giocatori più esperti. Ho raccolto più informazioni possibili sulla città e sulla squadra. Tomovic e Dabo mi hanno detto che mi trovo in una squadra importante, sulla quale la gente si tiene molto informata“.

Sulla partita contro l’Atalanta e su quale giocatore spera di marcare in generale: “Sarà una gara molto difficile, come tutte le altre in A. Ci stiamo però preparando al meglio per questo impegno, dobbiamo dare il meglio per vincere. Spero di giocare contro Lukaku che è un attaccante molto difficile da tenere a bada. Ho già giocato contro di lui e so bene quanto sia difficile“.

Infine alcuni retroscena della trattativa che ha condotto Igor alla Fiorentina dalla SPAL per circa 6 milioni di euro. Queste le parole del direttore Pradè: “La prima richiesta della SPAL era altissima, superiore ai 15 milioni di euro. E la trattativa non è decollata. Noi cercavamo fin da inizio di gennaio un difensore mancino, poi la SPAL ha acquistato un altro difensore e abbiamo trovato la quadra inserendo una percentuale sulla futura rivendita e non solo… A dimostrazione di quanto la società di Ferrara crede in questo ragazzo fra i vari bonus, uno, molto importante, è quello da pagare per il debutto di Igor nella Seleção“.

Articolo precedenteBando ‘area Mercafir, due i vincoli: che farà Commisso?
Articolo successivoFiorentina Juventus 1-1 Coppa Italia Primavera: tabellino e sintesi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui