Vincenzo Iaquinta nei guai. Il calciatore, Campione del Mondo nel 2006 ed ex giocatore della Juventus, fra gli imputati del processo Aemilia. Per lui chiesti 6 anni di reclusione.

Il processo Aemilia, il più importante contro la ‘ndrangheta celebrato al nord Italia, vede fra gli imputati anche Vincenzo Iaquinta e suo padre Giuseppe. Per il calciatore, originario di Crotone, i magistrati della DIA di Bologna hanno chiesto 6 anni di reclusione con l’accusa di reati relativi al possesso di armi, con l’aggravante mafiosa.

Iaquinta si è ritirato dal calcio professionistico nel 2013 dopo aver militato in Serie A con Udinese (2001/2007) e Juventus (2001/2012). Ha indossato la maglia della Nazionale Italiana dal 2005 al 2010. Nel 2006 fece parte del gruppo dell’Italia di Lippi, campione del mondo a Berlino. 58 le reti segnate con la casacca dei friulani, 30 quelle messe a segno fra le fila dei bianconeri di Vinovo. Vi riproponiamo il video del gol segnato allo Stadio Franchi in occasione di Fiorentina-Juventus.

Fiorentina Juventus gol di Iaquinta

Articolo precedenteFair play finanziario: una sola vittima illustre. Cosa rischia davvero il Milan?
Articolo successivoFiorentina, per Badelj e Sportiello è la settimana della verità. Mercato in fermento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui