Niente semifinale con il Napoli per la Fiorentina di Beppe Iachini: i viola, leggermente rimaneggiati, sono usciti sconfitti 2-1 dal match di San Siro contro l’Inter. Al termine della gara, il tecnico gigliato ha commentato quanto accaduto.

Iachini: “C’è rammarico per il risultato”

Giuseppe Iachini, tecnico della Fiorentina, al termine della gara, ha commentato in zona mista la sconfitta della sua Fiorentina contro l’Inter per 2-1. I gol nerazzurri sono stati siglati dal solito Lautaro Martinez e da Barella, mentre per i viola Caceres ha dato l’illusione del momentaneo pareggio. Questa l’analisi del tecnico viola, alla prima sconfitta della sua gestione: “C’è un po’ di rammarico perché avevamo preparato un certo tipo di partita. Nel primo tempo abbiamo concesso pochissimo all’Inter, siamo stati bravi nell’organizzazione difensiva, nelle letture, nei tagli. Nella fase di possesso abbiamo commesso qualche errore tecnico di troppo, il campo probabilmente non ha aiutato nessuno dei due perché la partita di 120 minuti di ieri sera lo ha ridotto un po’ così”.

“Episodio su Caceres? Poteva cambiare tutto..”

“Ho cambiato qualcosa sul piano tattico – ha continuato il mister viola – e la squadra è stata brava a recepirlo. Avevamo preparato una partita per forzarla nella seconda parte. Siamo pervenuti al pareggio e poi nel nostro momento migliore è arrivato l’eurogol di Barella dove potevamo respingere meglio il pallone, ma sono situazioni. Forse ci poteva stare, senza forse, un episodio a nostro vantaggio: una strattonata di Godin su Caceres che avrebbe significato tanto per mettere anche pressione a loro. I ragazzi hanno dato tutto, ma non siamo riusciti a cambiare il risultato. Abbiamo margini di miglioramento essendo anche molto giovani e ci stiamo lavorando. Mi piace la nostra organizzazione difensiva, concediamo sempre poco agli avversari. Episodi su Caceres oggi e Milenkovic con il Genoa? Non ci hanno detto niente, non so neanche se ci hanno ammonito. Da quando sono qui c’è stato qualche episodio. Napoli, Genoa, oggi. Non sta a me giudicare, ma sono episodi che possono cambiare il corso di un lavoro“.

“Inspiegabile giocare dopo 24 ore”

“Andremo a Torino con questo spirito, – ha proseguito Iachini – come sempre. Mi dà noia una cosa anche se non è un alibi: non capisco come si possa fare noi una partita infrasettimanale, la Juventus una settimana tipo, io non le capisco queste cose onestamente. A San Siro si gioca due volte a distanza di 24 ore rischiando anche infortuni. Non me le spiego, forse sono arretrato, ma non è equiparata come cosa. Mercato? Io ero concentrato sulla partita, ho parlato tempo fa con la società. E’ normale che ci serva qualche elemento nella linea difensiva ed a centrocampo numericamente. Pulgar da mezzala è una cosa, davanti alla difesa è un’altra. Son cose che sapevo già dopo una settimana di lavoro, sono fiducioso su come si sta muovendo la società“.

Articolo precedenteGazzetta dello Sport: Fiorentina, Kouamé c’è e arriva anche Duncan
Articolo successivoCriscito polemico sui social: il difensore del Genoa vicino alla Fiorentina?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui