L’arbitro di Fiorentina Juventus al centro delle polemiche non solo per l’episodio del rigore negato dal VAR, ma anche per la gestione dei cartellini. Possibile protesta ufficiale della Fiorentina?

Il rigore concesso per mani di Chiellini in area e poi negato su segnalazione di fuorigioco del VAR. La posizione di Benassi è in offside, ma il giocatore viola è rimesso in gioco da retropassaggio di Alex Sandro. La volontarietà dello juventino è il discrimine. L’arbitro Guida non si reca al monitor per visionare di persona l’episodio, ma si fida di Fabbri e toglie il penalty per i viola. Nei quasi quattro minuti nei quali Veretout era già sul dischetto, i giocatori juventini hanno ‘marcato stretto’ il direttore di gara. Una pressione importante su un arbitro che qualche giorno prima i media vicini all’ambiente bianconero avevano giudicato ‘sgradito’ (LEGGI QUI). Sotto accusa la dichiarata simpatia di Guida per il Napoli, diretta concorrente per lo scudetto.

Non sarebbe soltanto questo episodio, comunque decisivo, a scontentare ACF Fiorentina che contesta anche la disparità di giudizio nell’uso dei cartellini. Come sottolinea questo Tweet sul profilo ufficiale della società: “Stesso fallo differente valutazione per Guida, che ammonisce Biraghi. In precedenza dalla parte opposta del campo Pjanic la passa liscia“. Possibili rimostranze formali in Lega da parte del club viola?

Intanto l’arbitro di Fiorentina Juventus, colleziona insufficienze su quasi tutti i giornali sportivi e non. Solo La Gazzetta dello Sport e Il Mattino gli concedono un 6.

Corriere dello Sport-Stadio – voto 4,5
Al 17′ Benassi crossa da destra. Chiellini dentro l’area si oppone con un braccio-gomito sinistro (che si allarga al momento del cross). Guida non ha dubbi: rigore. Iniziano le proteste della Juve, con Veretout pronto a battere. Passano i minuti, Guida fa il segno del check dei Var ma non va a controllare e dopo 4′ cancella il penalty assegna un calcio di punizione per la Juve. Motivo? Fuorigioco di Benassi, secondo l’analisi di Fabbri e Di Fiore. In realtà la palla all’ex Torino la fa arrivare Alex Sandro, pressato da Simeone. 

Il Mattino di Napoli – voto 6
Juventus avanti a fatica e con l’aiuto del Var: dalla regia annullato un rigore ai viola per precedente offside ma l’irregolarità non c’era.

La Gazzetta dello Sport – voto 6
Sul rigore vede bene e indica senza indugi il dischetto, poi la Var lo ‘costringe’ a rivedere il giudizio. Buon vantaggio concesso con ammonizione ‘postuma’ ad Alex Sandro. Non convince del tutto la gestione dei cartellini.

La Stampa – voto 4
La Var toglie un rigore ai viola. Immagini che lasciano dubbi sia sul tocco galeotto sia sull’offside.

Il Messaggero – voto 4
Fuorigioco di Benassi ma la decisione ha lasciato dubbi perché la palla al centrocampista era arrivata dopo un contrasto tra Simeone e Alex Sandro, con lo juventino che ha dato la sensazione di toccare il pallone rimettendo in gioco il viola.

Articolo precedenteBernardeschi: le parole son come il marmo, c’è chi le cava e chi le cesella.
Articolo successivoRizzoli e i vertici arbitrali promuovono Guida senza lode, perché…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui