Intervistato da Donato Mongatti per il Sito di Firenze, Tommaso Grassi, capogruppo in Consiglio comunale di Firenze Riparte a Sinistra, spiega quale è secondo lui la situazione attuale del nuovo stadio Fiorentina.

Il termine – per presentare la documentazione completa relativa alla progettazione strutturale e al piano economico finanziario – era stato fissato a dicembre 2018. Per questo motivo il consigliere Tommaso Grassi ha fatto una richiesta di accesso agli atti. Ecco cosa ha raccontato al quotidiano online il Sito di Firenze.

Più che di un faldone di documenti, in questo caso, è più corretto parlare di una cartellina: i risultati dei carotaggi, il rilievo delle reti dei sottoservizi – gas, energia elettrica, telefonia, acquedotto ecc. – , il censimento dei sottopassi e il rilievo planoaltimetrico degli edifici esistenti nell’area Mercafir… Stop. Niente di nuovo, rispetto a quanto già noto, che riguardi il futuro disegno della zona“. Questa la fase attuale del nuovo stadio della Fiorentina, secondo Grassi.

Mi sembra che in questo braccio di ferro continua ad esserci qualcuno che per motivi politici e di campagna elettorale continua a illudere rispetto alla possibilità di vedere la realizzazione dello stadio… Noi continuiamo a ribadire che finché non vediamo il piano economico finanziario riteniamo che la grande struttura commerciale e l’albergo non hanno nulla a che vedere né con i tifosi, né con la scelta di spostare lo stadio da Campo di Marte all’area di Novoli“. Ha ribadito il consigliere di Firenze Riparte a Sinistra.

Il prossimo termine? È stato reso noto dal sindaco Dario Nardella, durante un’intervista a Tele Iride a marzo 2019: maggio 2019 (a Firenze si vota per le Elezioni Comunali il 26 e il 27 maggio p.v., n.d.r.), quando il Comune e Società ACF Fiorentina presenteranno congiuntamente il progetto definitivo. Che abbia inizio il nuovo conto alla rovescia…

Errebì72

 

 

Articolo precedenteCorvino e il progetto Fiorentina, l’analisi del ds Giammarioli.
Articolo successivoFiorentina linea soft: la decisione della dirigenza a Milano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui