La Fiorentina vuole lasciare violachannel.tv per prendere il dominio fiorentina.it. Commisso rivendica un diritto naturale di appartenenza del marchio, ma dall’altra l’omonima testata giornalistica ne vanta il possesso legale. A ottobre udienza di merito al Tribunale di Milano.

Un contenzioso non nuovo che vede al centro il dominio fiorentina.it legalmente posseduto, fin dal lontano 1996, dall’omonima testata giornalistica. Il cui editore ebbe la meglio, per vie legali, anche contro i Della Valle precedenti proprietari di ACF Fiorentina. Nacque così il sito violachannel.tv, che fu temporaneamente nominato acffiorentina.it (dominio di proprietà della società viola anche esso). Ma il nome non soddisfa Rocco Commisso che, come sottolinea La Repubblica, ne fa una questione “di marchio e di appartenenza“.

Del resto non è strano che il magnate delle comunicazioni voglia investire nel valore e nell’identità del marchio Fiorentina, come lui stesso ha dichiarato al suo insediamento: “Il nostro è un programma chiaro: dobbiamo migliorare il marketing e il brand“. Supportato in questa strategia dal direttore commerciale di Var-Group, partner digitale e sponsor della Fiorentina, che l’estate scorsa ha annunciato: “Stiamo preparando un cambiamento che avverrà all’inizio della prossima stagione. Sono già pronti i rilasci di applicazioni ed entro settembre anche il sito web“.

L’attuazione del programma passa, quindi, anche e soprattutto per il digitale, laddove il sito ufficiale (attualmente violachannel.tv) aspira a diventare il punto di riferimento di informazione e di promozione del mondo Fiorentina. Aggiornamenti, contest, contenuti video e fotografici sono cresciuti esponenzialmente con il cambio di proprietà.

Un punto focale di questo progetto resta il nome del dominio, conteso fra società viola e testata giornalistica. Gli editori di fiorentina.it hanno dalla loro il risultato del precedente contenzioso contro i Della Valle e sperano di fa valere i loro diritti di proprietà. A ottobre ne sapremo di più. Perché le parti si ritroveranno presso il Tribunale di Milano per un procedimento di merito che dovrà dirimere la questione.

#errebì72

Articolo precedenteRitiro estivo e nuova maglia: ecco i primi passi della Fiorentina
Articolo successivoTesoretto dalle cessioni? Tuttosport fa il borsino della Fiorentina

1 commento

  1. Credo che se Commisso riunisse molti post e soprattutto molti commenti potrebbe facilmente dimostrare che Fiorentina.it è in mano ai gobbi e seguita dai gobbi. Indipendentemente dall’acquisizione non dovrebbe essere permesso che si spaccino per una testata VIOLA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui