Enzo Bucchioni nel suo editoriale rilancia gli spunti di discussione più caldi per la piazza.

“Il pareggio con la Sampdoria ha dato la sensazione di una Fiorentina migliore, in crescita, ma ha messo in moto anche la macchina dei rimpianti. Magari questa squadra avesse giocato sempre così, con lo stesso spirito, quei cinque-sei punti che mancano sarebbero arrivati. E allora, ancora una volta, non resta che chiamare in causa la scellerata decisione di Cognigni di confermare Paulo Sousa, avallata da Corvino che pur di tornare alla Fiorentina ha accettato di tutto e di più… Comunque, nonostante tutto, l’Europa in teoria è ancora possibile…

Ma con che spirito si affrontano le prossime sette gare se il primo a dire che “questa squadra non è la mia” e “nessuno mi ha chiesto l’Europa League” è proprio Paulo Sousa?… Chi ascolta le parole dell’allenatore ormai si è fatto la convinzione che la Fiorentina sia un posto dove non è possibile fare bene calcio e chi come lui vorrebbe di più viene stoppato e penalizzato… Ma con queste parole Paulo Sousa fa arrivare colpi pesanti all’immagine della Fiorentina e in molti addetti ai lavori allenatori in primis pensano che Firenze sia un posto da evitare… Di fronte a tutto questo la società tace e incassa… Perché si tollera tutto senza intervenire?…

Il presente, comunque, non è meno preoccupante. Dire che non si trova un allenatore è eccessivo, ma constatare le difficoltà di Corvino significa fare cronaca. Del no di Giampaolo abbiamo detto da tempo. Negli ultimi giorni anche Di Francesco ha confidato in ambienti vicini al Sassuolo di avere molte perplessità… Oltre ai programmi non chiari della Fiorentina, un ostacolo è anche la presenza di una forte personalità come quella di Corvino, abituato a fare e disfare le formazioni. Un direttore così, vecchio stampo, non piace alla nuova generazione di allenatori… Come abbiamo anticipato una settimana fa, in pole position ora c’è Pioli. Se l’Inter lo libera come ormai sembra chiaro, potrebbe essere l’uomo giusto, ma anche no. Chi lo conosce lo descrive come uno tosto, i programmi vuole condividerli…

Insomma, situazione complessa e delicata. L’allenatore andrebbe scelto prima possibile… La campagna acquisti va impostata adesso… Questa calma piatta speriamo porti bene, una volta la calma era la virtù dei forti. Forti, come i giocatori che aspettiamo. Avvertite Corvino.

11.04.2017 di Enzo Bucchioni per firenzeviola.it   

Articolo precedenteCalciomercato Fiorentina: costi e rischi dell’operazione Tello
Articolo successivoCalciomercato Fiorentina tutti i possibili incroci con il Sassuolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui