Braunschweig Fiorentina 2-3. Gigliati e tedeschi molto rimaneggiati nelle formazioni. Note positive per Chiesa e Veretout. Kalinic avulso.

Fiorentina: Dragoswki; Tomovic, Astori (C), Milenkovic, Maxi Olivera; Cristoforo, Veretout; Rebic Mati Fernandez, Chiesa; Kalinic.

Panchina: Sportiello, Satalino, Sottil, Bruno Gaspar, Vitor Hugo, Sanchez, Ranieri, Babacar, Zekhnini, Hagi, Illanes, Gori, Meli

Eintracht Braunschweig: Engelhardt, Biada (C), Samson, Becker, Nkansah, Hernandez, Sauer, Kijewski, Tietz, Dacaj, Blyszko

Panchina: Nyman, Verstappen, Töpken, Mittelstädt, Burger, Abifade, Funke

Primo Tempo

6′ azione di Chiesa per Kalinic che non anticipa il portiere
10′ Chiesa buca la difesa tedesca e insacca di destro *GOL*
12′ passano due minuti e Chiesa bissa stavolta con tiro incrociato *GOL*
16′ GIALLO per Olivera che stende un avversario per bloccare la ripartenza
22′ azione sullo stretto Rebic Mati Kalinic che tenta il pallonetto, fuori
25′ Hernandez su azione di verticalizzazione buca la difesa viola *GOL*
28′ bel recupero di Veretout su Becker involato sulla fascia destra
37′ GIALLO per Cristoforo
40′ assist di Chiesa per Kalinic che prova ad aggirare il portiere, senza successo

Secondo Tempo

Girandola di cambi per Pioli. Fuori Astori, Rebic, Mati, Kalinic e Olivera. Dentro Vitor Hugo, Zekhnini, Hagi, Babacar, Gaspar.

47′ Hagi per Chiesa, assist al bacio per Babacar, che colpisce male
50′ incertezza di Milenkovic, rimedia Dragoswki su Hernandez
54′ calcio d’angolo di Hagi, Zekhnini al volo, salva un difensore sulla linea
58′ Babacar crossa per Zekhnini, che in spaccata alza sopra la traversa
67′ errore della difesa viola, Hernandez anticipa Milenkovic, uscita sbagliata di Dragoswki *GOL* del pareggio per i tedeschi
68′ ancora cambi: Sottil per Chiesa, Ranieri per Tomovic, Sanchez per Veretout
71′ Vitor Hugo su angolo sfiora il gol per la Fiorentina
75′ l’uscita di piede di Dragoswki su Hernandez decisiva per salvare la porta viola
77′ su angolo di Hagi stacca Milenkovic che insacca *GOL*

Bene Veretout a centrocampo. Giocatore di interdizione e di impostazione davanti alla difesa. Milenkovic più a suo agio con Astori. Ragazzo dal fisico possente e dal piede ancora da affinare. Chiesa voglioso, in versione bomber e anche rifinitore. Kalinic oggetto smarrito. La voglia di partire e di non farsi male lo lascia fuori dal senso del gioco.

Articolo precedenteBraunschweig Fiorentina: i convocati e le probabili formazioni.
Articolo successivoFiorentina: record di plusvalenze. L’era Della Valle si chiude con il botto?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui