Bernardeschi non ci sta. Lo juventino usa i social per dire la sua. Lezione su umiltà e ignoranza. Forse dimentica alcuni passaggi…

Bernardeschi ha festeggiato, senza strafare, sui social la vittoria della Juventus allo Stadium sulla Fiorentina. Poi, l’ex viola non ha digerito commenti coloriti degli ex tifosi e ha scelto di rispondere per le rime. Un richiamo all’umiltà e all’ignoranza del branco.

Ok, mi trovo qui a dover sottolineare cose ‘dovrebbero’ essere la base, è vero, ma purtroppo a quanto pare neanche la base è più scontata ormai. Giocare “1 minuto” e gioire comunque della vittoria della propria squadra (come mi è stato scritto) NON E’ MANCANZA DI UMILTA’!! Semmai l’esatto opposto! Non vorrei che da determinati commenti si possano trarre insegnamenti sbagliati! Sono anche un po’ stufo di tutta l’ignoranza del branco, gridata con due bestemmie e 4 parolacce a caso…che come messaggio lascia il nulla. Andiamo oltre i ragionamenti qualunquisti e basici“.

Chiamandosi Bernardeschi è chiaro che le sue rimostranze hanno maggiore peso di quello della maggioranza degli oscuri tifosi. Ma forse il giocatore ha dimenticato alcuni passaggi chiave nella sua strategia di vendersi alla Juventus. Strategia non certo cristallina, che nulla ha a che fare con l’ignoranza del branco.

dicembre 2015 – “Difficile andare alla Juventus

bernardeschi dichiarazioni 2015

7 maggio 2017 – “Questi pezzi di me**a

giugno 2017 – “gastroenterite acuta” per non presentarsi al ritiro della Fiorentina.

bernardeschi striscione certificato

Infine, il commento del suo agente Beppe BozzoTuttosport: “Per trasferire Bernardeschi dalla Fiorentina alla Juventus abbiamo lavorato 8-9 mesi. Quando la trattativa si è conclusa Bernardeschi ha esultato e io ho pensato che eravamo riusciti a trasformare in realtà un’idea da fantacalcio… Strada facendo ho eliminato tutte le pretendenti, perché l’unico modo per riuscire era far correre la Juve da sola. Devo ringraziare Cognigni e Corvino che hanno capito la volontà del ragazzo“.

 

 

Articolo precedenteFiorentina Atalanta: la Viola cerca il sorpasso. Atalanta favorita e occhio all’ex.
Articolo successivoFiorentina Atalanta: numeri e curiosità del match. Fischia un figlio d’arte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui