Badelj e Kalinic: due casi di calciomercato. Entrambi con la valigia in mano. E se invece…

Centrocampista l’uno. Attaccante l’altro. Entrambi croati. Entrambi con il sogno rossonero. Entrambi con la Fiorentina alle spalle. O almeno così poteva sembrare. I casi di Milan Badelj e Nikola Kalinic la dicono lunga sull’imprevedibilità del calciomercato. Badelj ha cambiato procuratore. Quell’agente che era in rotta di collisione con la società viola per presunte commissioni non pagate. La Fiorentina ha tenuto duro e adesso il centrocampista potrebbe anche restare in maglia viola, o fino alla scadenza nel 2018, o con un contratto rinnovato. Sicuramente non sarà svenduto.

Stesso discorso, ma più complicato per Kalinic. Un ritiro smozzicato a Moena. Arriva, parte, torna, riparte. Comunicati della società a coprire ciò che è stato alla luce del sole. Il giocatore ha dichiarato di non volere continuare la sua avventura a Firenze. Milano, sponda rossonera, è il suo sogno. La Fiorentina ne ha preso atto, ma alle sue condizioni. Nessuno sconto. 30 milioni trattabili, ma non troppo, per il suo cartellino. Per il Milan nessuna fretta, anche perché il croato non rappresenta la prima scelta. Per la Fiorentina un po’ più di premura. La trattativa con Simeone è in stallo. Ballano 20 milioni di Euro.

Articolo precedenteFiorentina: record di plusvalenze. L’era Della Valle si chiude con il botto?
Articolo successivoEmre Mor: il colpo sfumato della Roma e le parole di Fatih Terim.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui