Prove teoriche di ripartenza per la Serie A. Mentre si attendono disposizioni sulla ripresa degli allenamenti, ecco tutte le ipotesi al vaglio di Lega Serie A e FIGC.

Il calendario della Serie A potrebbe ricalcare quello del Campionato Europeo, con la ripresa del campionato intorno al 12 giugno e la conclusione il 12 luglio. Anche se resta ancora in piedi l’ipotesi di riprendere fra il 31 maggio e il 6 giugno, in attesa di disposizioni governative più puntuali. Intanto oggi sul Corriere dello Sport si legge di una terza ipotesi: conclusione della stagione 2019 / 2020 da settembre a novembre e inizio stagione 2020 / 2021 a gennaio 2021. Una stagione lampo di soli 5 mesi da giocare in due gironi con tanto di playoff e playout per poi lasciare spazio a Euro 2021.

In una situazione così nebulosa, si pensa anche agli scenari di ripartenza, ovvero dove e come giocare. Su La Gazzetta dello Sport si legge “Serie A in una bolla“. Un titolo che sintetizza la possibilità di maxi ritiri, blindati, con ambienti sanificati e tamponi a tappeto per tutti i componenti dei club: giocatori, staff, dirigenti e personale addetto. E poi, inutile ribadirlo, partite a porte chiuse e non in tutti gli stadi, ma solo in quelli sono situati in zone meno colpite dal coronavirus. Off limits quindi gli stadi del Nord Italia, da San Siro allo Stadium.

Articolo precedenteMalinovskyi: “Cercato dalla Fiorentina, ma felice all’Atalanta”
Articolo successivoMutu: “Allenare la Fiorentina è il mio sogno nel cassetto”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui