Coincide solo il luogo – il viadotto di Varlungo prima dell’Autostrada di Firenze Sud – e l’orario, le 2 di notte. Per il resto è confusione in merito agli scontri fra tifosi e forze dell’ordine dopo la partita di Coppa Italia Fiorentina Atalanta.

Tifosi ospiti trattenuti, come di norma, nel dopo partita e poi fatti ripartire in colonna scortata. Fin qui nessuna anomalia. Poi però ai sostenitori dell’Atalanta succede qualcosa dopo il match giocato contro la Fiorentina in Coppa Italia: scontri con le forze dell’ordine sul Viadotto di Varlungo. Sono le 2 di notte, i tifosi viola sono ormai rientrati e la colonna di bus procede tranquilla verso il casello autostradale. Da qui in poi due versioni contrastanti, che riportiamo per dovere di cronaca.

Scontri tifosi Atalanta polizia la versione dei tifosi

Questo il racconto di un tifoso della Dea riportato da Bergamonews.it: “Ero sul secondo pullman e stavamo per imboccare la A1, non c’era più nessun pericolo di scontri con i tifosi della Fiorentina. Il pullman davanti al nostro è stato improvvisamente circondato da una camionetta della polizia, dalla quale sono scesi degli agenti in assetto antisommossa che hanno obbligato l’autista del mezzo ad aprire le porte. Da lì, poi, sono partite le manganellate, senza un motivo. In tutto ci saranno stati un centinaio di poliziotti“.

Anche l’Ecodibergamo.it è allineato e riferisce il resoconto di Federico Riva, avvocato della Curva Nord che era su uno dei bus in coda a quelli in cui si sono verificati gli episodi: “I tre pullman in testa erano distanziati tra loro e sono stati fermati dalla polizia senza che avessero provocato problemi… Un tifoso su uno dei primi pullman mi ha telefonato e mi ha avvertito di raggiungerli perché stava succedendo qualcosa di grave, ma siamo stati bloccati e a bordo del nostro mezzo è salito un funzionario della questura che ha inveito contro il primo ragazzo che gli è capitato a tiro. Ci sono stati attimi di tensione, io a quel punto ho mostrato il tesserino di avvocato… Ho poi saputo che sugli altri due pullman i tifosi sono stati malmenati, anche con manganellate“.

Scontri tifosi Atalanta polizia la versione ufficiale

Secondo la versione ufficiale, invece, riferita all’Ansa da fonti della questura, mentre i mezzi transitavano sul raccordo verso l’autostrada, sembra che in alcuni pullman i tifosi abbiano intimato agli autisti di fermarsi. Quindi sono scesi a terra coi volti coperti e sono iniziati gli scontri con la polizia. Gli agenti, con una certa difficoltà, sono riusciti a far risalire a bordo i tifosi dell’Atalanta, che hanno proseguito il viaggio verso Bergamo. Alcuni sono stati fermati e identificati in questura, dove ancora si stanno chiarendo le cause dei tafferugli.

Articolo precedentePioli sotto attacco: Gasperini e Spalletti tornano alla carica. VIDEO.
Articolo successivoSerie A, classifica e calendario fino alla sosta: incroci per l’Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui