Sampdoria Fiorentina scontro diretto per l’Europa League. Così dice la classifica. I viola arrivano a Marassi dopo otto risultati positivi, ma Pioli deve fare a meno di due perni fondamentali: Astori e Veretout.

Sarà sicuramente una Fiorentina inedita in campionato quella che scenderà in campo domenica 21 gennaio a Marassi contro la Sampdoria. La squadra allenata da Stefano Pioli dovrà fare a meno di due giocatori sempre titolari in questa prima parte della stagione: Davide Astori e Jordan Veretout. Assenze pesanti, soprattutto quella del centrocampista francese, rivelazione della stagione, che non ha sostituti all’altezza. Nell’amichevole di stamani al Centro Sportivo contro il Grassina, che milita nel girone B di Eccellenza, Pioli potrebbe provare diverse soluzioni. Il test sarà a porte chiuse per permettere al tecnico di vagliare sul campo condizioni fisiche e mentali dei suoi giocatori dopo la pausa invernale.

La soluzione più facile e indolore dal punto di vista del gioco è la conferma del 4-3-3. In difesa il ballottaggio è fra Vitor Hugo e Milenkovic per fare coppia centrale con German Pezzella. Con il brasiliano leggermente favorito sul giovane serbo. Laurini e Biraghi terzini. In mezzo al campo, Carlos Sanchez sarebbe il naturale sostituto di Veretout. Anche se colombiano non ha convinto nelle occasioni avute ed è sul piede di partenza. Badelj e Benassi completano la mediana. Esterni d’attacco Chiesa e Thereau, in ballottaggio o staffetta con Gil Dias, davanti il confermato Giovanni Simeone alla ricerca della prima rete e vittoria contro la Samp.

L’alternativa vede in rampa di lancio i trequartisti Valentin Eysseric e Riccardo Saponara, con un possibile impiego del modulo 4-2-3-1. Difesa a quattro come sopra, con Hugo al posto di Astori; Badelj e Benassi sulla mediana; Saponara o Eysseric sulla trequarti; Chiesa e Thereau, o Gil Dias ali; Simeone centravanti.

Articolo precedenteIntrecci di calciomercato: incrocio di terzini fra Samp, Fiorentina e Sassuolo.
Articolo successivoBadelj capitano con la valigia: rinnovo o cessione? Le dichiarazioni di Corvino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui