Salah ed Hegazy: i faraoni sono tornati. I due ex viola protagonisti nella qualificazione dell’Egitto al Mondiale di Russia 2018.

Sono passati 28 anni dall’ultima qualificazione della nazionale di calcio egiziana ad un Mondiale. Ieri contro il Congo, partita vinta per 2-1 dai nord africani, protagonista assoluto è stato Mohamed Salah. L’ex di Fiorentina e Roma è ormai un giocatore in grado di fare la differenza. Assist man nella Roma di Spalletti e adesso capocannoniere del girone di qualificazione con 5 reti. Una doppietta ieri, con tanto di rigore decisivo al 95′.

Nella Nazionale allenata da un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano, Hector Cuper, l’attaccante del Liverpool è la stella assoluta. Ma non è il solo protagonista di questa storica impresa sportiva. La prima piazza nella graduatoria del girone, infatti, è dovuta sì al miglior attacco (7 reti), ma anche ad una solida difesa (3 gol subiti). Nella quale spicca il centrale Ahmed Hegazy. Tre stagioni in maglia viola segnate da due gravi infortuni ai legamenti del ginocchio destro, che hanno impedito al giocatore di mantenere fede al soprannome di “Nesta delle Piramidi“.

 

Articolo precedenteHagi e Babacar: attese deluse, spazi assenti e prospettive prossime.
Articolo successivoFiorentina e il nodo terzino: a gennaio possibile assalto a Sturaro?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui