37 anni compiuti qualche giorno fa e ancora tanta voglia di pallone. Così Franck Ribery nella sua casa in Baviera si allena intensamente per tornare ad essere incisivo con la maglia della Fiorentina.

L’infortunio alla caviglia e l’operazione sono ormai un ricordo per Franck Ribery. Il campione francese, nella sua casa in Baviera sta trascorrendo la quarantena seguendo un intenso programma di allenamento. L’obiettivo? Farsi trovare pronto non appena si potrà tornare in campo, per questa o per la prossima stagione… E non solo pronto, ma determinante così come nelle prime giornate di campionato: MVP di Serie A nel mese di settembre; l’omaggio di San Siro con la standing ovation; i gol (2) e gli assist (2) in 11 gare. Poi l’espulsione e i 3 turni di squalifica, l’infortunio ed infine la quarantena per coronavirus.

Ma Ribery non è facile a demoralizzarsi. La scelta della Fiorentina dopo gli anni di vittorie al Bayern Monaco non è stata una scelta da ricco pre-pensionamento, come si poteva pensare guardando la carta di identità e anche il contratto (4 milioni di euro a stagione). La voglia di questo ‘ragazzo di 37 anni’ è ancora tanta e far crescere i promettenti giovani del club gigliato l’ennesima sfida della sua carriera. Chiesa e Castrovilli, per esempio, non perdono occasione per citarlo come punto di riferimento nello spogliatoio e come faro per il loro percorso di crescita.

La regola d’oro di Ribery: “Lavorare duro, sempre”

Il segreto per durare è solo quello di non mollare mai. Così oggi sul Corriere dello Sport si parla dell’allenamento di FR7 nella sua attrezzatissima villa di Monaco di Baviera. “Ribery si è concentrato sul core training, con attenzione alla postura attraverso la marcia laterale, ma anche sul potenziamento muscolare, con flessioni scandite da passaggi di pallone“, si legge. Insomma, buone notizie per i tifosi viola da oltre frontiera: Franck sta per tornare e ha più fame che mai!

#errebì72

Articolo precedenteCastrovilli Corriere.it: “Con Firenze un feeling naturale: il futuro è nostro”
Articolo successivoSerie A, ecco la bozza del calendario per il campionato estivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui