Marko Pjaca, i tifosi viola lo aspettano. Quelli bianconeri cercano di capire se sarà un ‘caso’ da risolvere. Nel frattempo l’attaccante croato è in lizza per il titolo di Calciobidone 2018.

Marko Pjaca è vicecampione del mondo con la sua Croazia. Anche nel Mondiale però l’ex bianconero ha lasciato un segno impalpabile. Dopo la deludente annata alla Juventus, che gli è valso il titolo di Jolly nel Calciobidone 2017, ha fallito anche allo Shalke 04. La Fiorentina lo ha cercato promettendogli la maglia da titolare, la numero 10 e l’occasione di riscatto in una piazza affamata di risultati e di campioni. A circa metà campionato, Pjaca è la delusione più cocente fra i viola anche per le alte aspettative riposte su di lui. Una sola rete all’attivo, ma soprattutto nessuna capacità di incidere nel gioco, di dare la scossa con cambi di marcia e invenzioni per i compagni.

Il suo destino è nuovamente in discussione. La Fiorentina difficilmente ritratterà il prestito oneroso con la Juventus (2 milioni di Euro già sborsati), prima di giugno 2019. Altrettanto difficile è pensare che Pjaca possa essere riscattato per 20 milioni di Euro. Se tornerà alla Juventus per giocarsi le sue carte dovrà fare un cambio di marcia multiplo per avere anche solo una chance di giocarsi il posto. Oppure accetterà ancora un prestito per trovare una dimensione che al momento resta avvolta in una nebulosa.

Nel frattempo, le sue opache prestazioni gli sono valse la candidatura per la decima edizione del Calciobidone, dove è in lizza – fra gli altri – con l’ex viola Kalinic, in corsa però per la sua ultima annata rossonera. Domani nella sfida contro il Milan a San Siro, Pjaca siederà con tutta probabilità ancora in panchina.

Fine di una breve storia triste, oppure è ancora possibile sperare nella favola di Natale? Con la Fiorentina che trova sotto il suo albero la strenna più gradita: un giocatore che sappia sfruttare le sue doti a pieno e metta a frutto le sue giocate per regalare punti alla squadra.

Articolo precedenteSt. Juste e Di Lorenzo per Milenkovic e Laurini?
Articolo successivoRog, ecco perché il Parma può battere la Fiorentina.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui