Numero 1 al mondo: svelato il piano di Sinner

Jannik Sinner vuole diventare numero uno al mondo ed ha un ‘piano’ ben preciso per riuscirci: può accadere già entro l’estate

Dopo aver vinto l’Australian Open e l’Atp 500 di Rotterdam, Jannik Sinner ha inanellato un altro trionfo aggiudicandosi il titolo al Masters 1000 di Miami. Un successo conquistato sbaragliando la concorrenza con una facilità disarmante, come dimostrano i parziali di 6-1, 6-2 e 6-3, 6-1 inflitti rispettivamente a Daniil Medvedev e Grigor Dimitrov in semifinale e in finale.

Sinner ha un piano per diventare numero uno al mondo
Il tennista altoatesino punta la testa del ranking Atp: la situazione (AnsaFoto) – Gazzaviola

Ma quello conquistato in Florida per Sinner rappresenta un successo speciale soprattutto perché gli ha permesso di raggiungere la seconda posizione del ranking ai danni dell’amico-rivale Carlos Alcaraz. Ciò vuol dire che, adesso, l’azzurro è ad un passo dalla vetta e potrebbe agguantarla già nelle prossime settimane. Quando precisamente? Difficile dirlo, dipendendo la faccenda anche dai risultati ottenuti dai diretti concorrenti. Quel che è certo, però, è che la parentesi sulla terra rossa europea gli offrirà una ghiotta occasione.

Sinner alla ricerca del numero uno: missione possibile sulla terra

L’anno scorso, infatti, la terra battuta non ha regalato a Jannik grandissime soddisfazioni rispetto ai suoi soliti standard. Dunque l’altoatesino ha pochi punti da difendere ed ampi margini di guadagno, a differenza dello stesso Alcaraz e del leader della classifica Novak Djokovic, entrambi protagonisti nel 2023 di una campagna sul rosso molto fruttuosa.

Sinner ha un piano per diventare numero uno al mondo
Ranking Atp, Sinner in vetta entro due mesi? Ecco perché si può (AnsaFoto) – Gazzaviola

Alla vigilia dei più importanti tornei sulla terra battuta europea, la situazione relativa alle prime tre piazze della classifica mondiale è la seguente:

  1. Novak Djokovic (Srb) 9.725 punti
  2. Jannik Sinner (Ita) 8.710 pt
  3. Carlos Alcaraz (Esp) 8.645 pt

Nel dettaglio, il tennista nativo di San Candido dovrà difendere soltanto 585 punti, mentre il serbo e lo spagnolo saranno chiamati a difenderne rispettivamente 2315 e 2265. Ecco come stanno le cose nel dettaglio.

Ranking Atp, corsa alla vetta e punti da difendere torneo per torneo

Masters 1000 di Montecarlo

Sinner, punti da difendere 360 (Semifinale)
Djokovic, punti da difendere 90 (Ottavi)
Alcaraz, punti da difendere 0

Atp 500 Barcellona/Atp 250 Banja Luka

Alcaraz, punti da difendere 500 (Titolo, Barcellona)
Sinner, punti da difendere 90 (Quarti, Barcellona)
Djokovic, punti da difendere 45 (Quarti, Banja Luka)

Masters 1000 Madrid

Alcaraz, punti da difendere 1000 (Titolo)
Djokovic, punti da difendere 0
Sinner, punti da difendere 0

Masters 1000 Roma

Djokovic, punti da difendere 180 (Quarti)
Sinner, punti da difendere 90 (Ottavi)
Alcaraz, punti da difendere 45 (Sedicesimi)

Roland Garros

Djokovic, punti da difendere 2000 (Titolo)
Alcaraz, punti da difendere 720 (Semifinale)
Sinner, punti da difendere 45 (2T)

In tale scenario, al tennista nostrano basterà ben figurare ai tre Masters 1000 (Montecarlo, Madrid e Roma) e al Roland Garros per assicurarsi buone possibilità di agguantare il vertice della classifica già nel mese di giugno. Chiaramente, parliamo di possibilità e non di certezza matematica. Perché, come sottolineavamo in precedenza, l’evolversi della situazione dipenderà anche dai risultati di Nole e Carlitos. Staremo a vedere.

Impostazioni privacy