Milan fuori dall’Europa. Così si è espressa la commissione UEFA per il controllo finanziario. La sentenza ha dato adito ad un dubbio: 1 anno o 2 anni di squalifica? Ecco la lettura. Il club rossonero giocherà la carta TAS. La Fiorentina aggiusta i piani in vista dei preliminari di Europa League.

Squalifica Milan, la sentenza UEFA

La camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB), presieduta da José Narciso da Cunha Rodrigues, ha preso una decisione sul caso AC Milan a seguito del rinvio del responsabile della camera di investigazione CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola del pareggio di bilancio (break-even rule). Il club non potrà partecipare alla prossima competizione UEFA per club a cui è qualificata nelle prossime due (2) stagioni (una competizione sola nella stagione 2018/19 o in quella 2019/20, in caso di qualificazione). Contro questa decisione è possibile presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, secondo l’Articolo 34(2) del regolamento procedurale che governa l’Organo di Controllo Finanziario per Club UEFA, e secondo gli Articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA“.

La lettura della sentenza: 1 anno o 2 anni?

Il linguaggio della nota ufficiale non è chiarissimo. La sentenza parla di una sola stagione di squalifica da scontare in due stagioni. Ovvero se il Milan non si fosse qualificato per l’Europa League nella stagione appena trascorsa, come è successo, avrebbe scontato la pena nella stagione 2019/20.

Il ricorso al TAS e i possibili scenari

Il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna è la prossima carta che il Milan può giocarsi per mitigare o addirittura annullare la sentenza. L’unica chance in questo senso è che la situazione societaria si chiarisca. Ovvero la società dovrà dimostrare che esiste un nuovo socio di maggioranza in grado di assicurare capitali freschi e di estinguere il debito con il fondo Elliott.

La Fiorentina si prepara per i preliminari

Se la squalifica fosse confermata, Atalanta ai gironi di Europa League e Fiorentina in campo per i preliminari in programma il 26 luglio e il 2 agosto. I viola anticipano il ritrovo per il ritiro estivo che prende il via il 2 luglio al Centro Sportivo “Davide Astori” di Firenze. Il 7 luglio la partenza per Moena in Val di Fassa, dove i viola resteranno fino al 22 del mese.

Articolo precedenteMilan, sarà stangata! Possibili due anni senza Europa. La video parodia.
Articolo successivoCalciomercato Fiorentina, per Gabriel il Milan pone il veto ai viola.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui