La notizia dell’inchiesta UEFA sui conti del Milan sta facendo fibrillare molti cuori. Quelli rossoneri prima di tutto. E quelli dei tifosi della Fiorentina che sperano in un clamoroso ripescaggio. Ma è davvero così probabile la squalifica del club meneghino dalla prossima Europa League? I precedenti e le possibili sanzioni alternative.

Il settlement agreement del Milan non ha convinto i revisori dei conti dell’UEFA (leggi qui). Il patteggiamento che ciascun club è libero di concordare con l’organismo europeo, dovrebbe essere finalizzato a conseguire i parametri del fair play finanziario. Ma l’UEFA non è sicura che questo possa accadere e quindi il club rossonero subirà un procedimento di indagine. Oltre al Milan sono 15 le società calcistiche che hanno stipulato un settlement agreement. Nel corso degli ultimi 4 anni sono state 27 le squadre che hanno seguito questo iter. Fra queste, spicca il caso nel 2016 del Galatasaray (Turchia) estromesso dalle coppe europee. Nella maggior parte dei casi, però, la violazione delle regole non comporta in automatico una squalifica. Ci sono diverse tipologie di sanzioni, così ordinate dalla più lieve alla più pesante.

  • avvertimento
  • richiamo
  • multa
  • decurtazione di punti
  • trattenuta degli introiti ricavati da una competizione UEFA
  • divieto di iscrizione di nuovi giocatori alle competizioni UEFA
  • limitazione del numero di giocatori che un club può iscrivere alle competizioni UEFA, compreso un limite finanziario al costo totale aggregato dei benefit per i giocatori registrati nella lista A delle competizioni UEFA per club
  • squalifica dalle competizioni in corso e/o esclusione da future competizioni
  • revoca di un titolo o di un premio
Articolo precedenteMeret dopo Sportiello? L’agente dice no. “Udinese e Fiorentina società simili”.
Articolo successivoVincenzo Iaquinta: chiesti 6 anni di reclusione per il Nazionale ex Juventus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui