Kalinic vuole segnare ancora per trascinare la Fiorentina in Europa League.

Nikola Kalinic è un giocatore che ha fame di calcio. Il suo rifiuto al Tianjin Quanjian, lo scorso gennaio, per essere protagonista nel calcio che conta lo dimostra. Impressiona di questo giocatore il lavoro sporco, non solo in area di rigore. All’abnegazione, il croato affianca una mira da cecchino, come dimostra questa statistica: tra gli autori di almeno 50 tiri, è quello con la più alta precisione (il 63%) e l’obiettivo adesso è quello di perfezionarsi il più possibile. Ha fatto gol in ogni modo, di testa e su rigore. Tra campionato e Europa League ha segnato 18 volte, una rete in meno rispetto al record massimo mai toccato col Dnipro, nella stagione 2014/15. In questo finale di campionato potrà scrivere la sua storia e anche quella della Fiorentina.

Per il futuro? A giugno non è probabile che la punta croata lasci Firenze con destinazione Premier, dove prendersi la rivincita sul proprio passato (solo 13 gol segnati in 53 partite disputate con il Blackburn). Ma per il futuro ci sarà tempo, adesso mancano 10 giornate nelle quali dare l’anima per centrare il record di gol e per lasciare la sua Fiorentina In Europa.

 

Articolo precedenteNuovo stadio Fiorentina: c’è il plastico, ma i fondi?
Articolo successivoMario Gomez VIDEO dei lisci più clamorosi con la maglia della Fiorentina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui