In anteprima per Gazzaviola gli 11 titolari della formazione della Fiorentina. I marcatori e il risultato finale.

Consapevoli che azzeccare la formazione della Fiorentina è impresa titanica anche per calciofili ben più esperti. Poiché è ragionevole il dubbio che, pur di non dare soddisfazione ai media specializzati, Sousa crei soluzioni tattiche a dir poco originali. Abbiamo deciso di farci aiutare per la formazione di Napoli Fiorentina dalla nota chiaroveggente partenopea Perla Madonna. Solo per i nostri lettori, ecco la formazione ufficiale della Fiorentina. Gli 11 titolari in campo sabato sera al San Paolo. Le anticipazioni sui marcatori viola. Il risultato finale.

Formazione Fiorentina 20 maggio 2017

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, De Maio, Sanchez; Maxi Olivera, Vecino, Badelj, Tello; Cristoforo, Ilicic; Kalinic. Allenatore: Paulo Sousa.

Il film della partita

Primi 20 minuti di fuoco per il Napoli. Sospinti da un San Paolo gremito, gli Azzurri di Sarri si trovano agevolmente in vantaggio di due reti alla mezz’ora di gioco. Al 35′ Sousa spariglia le carte con la mossa che lo fa contendere dai top club di mezza Europa: il triplice cambio emussionante. Fuori Cristoforo, Ilicic e Maxi. Dentro Chiesa, Bernardeschi, Babacar. Fiorentina votata all’attacco con il 3-4-1-2. Poco prima dell’intervallo, Tello prova il paso doble per il quale è tuttora rimpianto dal Barcellona. Atterrato in area. Rigore. La Fiorentina non ha un rigorista titolare. Si fa la conta per chi lo debba sbagliare. Bernardeschi e Kalinic lasciano spazio ai compagni. Babacar ci mette il fisico. Nessuno riesce a levargli il pallone. Lo tira lui. GOL. Risultato all’intervallo: 2-1.

Nel secondo tempo i padroni di casa hanno paura. La Fiorentina è stabilmente nella metà campo avversaria. Gli esterni del Napoli non pungono. Badelj e Vecino sono una diga insormontabile. Chiesa e Tello volano sulle ali. Bernardeschi, che ha studiato il gol di Baggio al San Paolo del 1989, ne ripete l’azione. Palla catturata a centrocampo. Primo avversario saltato. Secondo avversario saltato. Mette a sedere Pepe Reina. GOL. Il numero 10 viola festeggia mostrando la dedica sotto la maglia: “Scusate il ritardo. Non trovavo la penna”. Con chiaro riferimento alla firma sul contratto. Risultato finale: 2-2. Fiorentina ancora in corsa per l’Europa League.

Nessuna palla di cristallo è stata maltrattata durante la stesura di questo pezzo.

Errebì72
Articolo precedente18 maggio 1990 Baggio venduto alla Juve e Firenze a ferro e fuoco
Articolo successivoCognigni e il rinnovo di Bernardeschi: “E’ il giocatore che decide”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui