Gerson uomo partita della Fiorentina contro il Chievo. Il brasiliano dopo la prestazione da 8 contro i veronesi vuole trovare continuità, smentire Sabatini e convincere il selezionatore della nazionale del Brasile. Passando per la stagione in maglia viola.

A luglio 2018, Walter Sabatini ex d.s. della Roma e scopritore di Gerson aveva usato parole poco dolci per il giocatore. La società giallorossa aveva investito due anni fa 16 milioni di Euro in questo classe 1997 di belle speranze. Speranze deluse a leggere l’intervista dell’ex dirigente capitolino sul Corriere dello Sport: “Giocatore indolente. Non ha capito che deve sfruttare le sue enormi qualità fisiche. Non sfida mai l’avversario, si accontenta. Gli dicono di giocare semplice ma esagera. Una volta gli ho scritto: Mi corri in verticale con la palla e mi dribbli un uomo una volta ogni tanto?“.

Questa estate il passaggio in maglia viola, in prestito secco perché la dirigenza della Roma non ha voluto trattare nessuna forma di cessione. Un arrivo un po’ tumultuoso, con ripensamenti mai confermati (LEGGI QUI). Un talento discontinuo, che a Firenze ha due obiettivi chiari. Da lui stesso dichiarati ai microfoni del portale brasiliano Globo Esporte: “La Fiorentina è una squadra che mi permetterà di giocare ad alti livelli per realizzare il mio grande sogno: far parte del nuovo ciclo del Brasile“. E sulla Roma, con la quale ha deciso di comune accordo la formula del prestito alla Fiorentina: “L’esperienza a Roma è stata fantastica e tra l’altro non credo di aver chiuso la mia storia con i giallorossi. Sono alla Fiorentina in prestito e ho un contratto con la Roma fino al 2021“.

 

Articolo precedenteBuon compleanno, Fiorentina! Novantadue anni oggi per la società gigliata.
Articolo successivoFascia di capitano: il comunicato ufficiale della Lega. Via alle sanzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui