La Fiorentina intesa come società può gongolare. Più di 88 milioni di plusvalenze già a bilancio e interessanti prospettive di introiti da giocatori ceduti con diritto di percentuale. Il tesoretto viola si chiama Bernardeschi e Vecino, ma anche Rebic e Hagi.

Secondo Calcio e Finanza, la Fiorentina ha chiuso il bilancio al dicembre del 2017 con oltre 184 milioni di Euro di ricavi. Di questi ben 88,7 milioni di Euro sono stati generati da plusvalenze imputabili alle cessioni eccellenti dell’estate 2017. Federico Bernardeschi alla Juventus, Matias Vecino all’Inter e Nikola Kalinic al Milan hanno generato entrate record in fatto di differenza fra costo di acquisto e prezzo di rivendita. Soltanto questi tre giocatori, infatti, hanno fruttato oltre 78 milioni di Euro di plusvalenze.

Ma la Fiorentina ha avuto ragione, almeno economicamente, anche nella strategia di vendita di alcuni giovani che a Firenze non hanno trovato spazio. Ante Rebic attaccante croato in forza all’Eintracht Francoforte sta disputando un Mondiale da protagonista. L’ex viola, potrebbe finire al Tottenham per una cifra superiore ai 30 milioni di Euro. Sulla futura rivendita, la Fiorentina si è assicurata il 30% del totale. Stessa percentuale imposta al cartellino di Ianis Hagi, tornato al Viitorul Constanta dopo la deludente esperienza fiorentina. La Roma di Di Francesco ci sta pensando come vice di Javier Pastore e l’affare potrebbe chiudersi per 5 milioni di Euro.

Articolo precedenteMilan Fiorentina: intreccio Europa League e calciomercato. Date e nomi in agenda.
Articolo successivoPieraccioni e la cordata per il Prato Calcio. Antiche rivalità e sfottò. VIDEO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui