Alban Lafont 6 – Inattivo per 45′ esce su Inglese alla disperata, ma nulla può sulla rete del vantaggio ducale. Poi normale amministrazione.

Nikola Milenkovic 6,5 – Roccioso e più audace anche nelle sortite offensive. Non si lamenta e stringe i denti, giocando fino al 40′ zoppo dopo un contrasto di gioco. Classe 1997 più che un prospetto una certezza. Esce fra gli applausi. Vincent Laurini 6 – Poco da segnalare.

German Pezzella 6+ – Il capitano regge la difesa rimaneggiata e in emergenza. Sempre presente quanto meno con la personalità.

Vitor Hugo 4 – Sembrava in palla come nelle ultime gare, ma la buca su Inglese costa alla Fiorentina un gol pesante allo scadere del primo tempo. Nel secondo tempo rischia di bissare sullo stesso avversario. Poi l’espulsione per rosso diretto da ultimo uomo. Pomeriggio da dimenticare.

Cristiano Biraghi 5,5 – Nell’uno contro uno centra tutti gli avversari. Pericoloso su una punizione nel secondo tempo.

Marco Benassi 6 – Parte bene, poi piano piano si spegne. Al 53′ sostituito da Gerson 5,5 – Ciabatta al 60′ dall’altezza del calcio di rigore poi poco altro.

Edimilson Fernandes 6 – Tocca tanti palloni agendo quasi da regista puro nel mezzo al campo. Alcune volte si addormenta col pallone fra i piedi. Tanta quantità esce per motivi tattici al 68′ per Federico Ceccherini 6 – Entra con la squadra in dieci e se la cava.

Jordan Veretout 6 – Sembra più spaesato e meno preciso del solito. Quando gira meno, la squadra ne risente e i risultati non arrivano.

Federico Chiesa 6+ – Indemoniato nei primi 30 minuti nei quali cambia da esterno a seconda punta. Nel secondo tempo è meno preciso nelle aperture e cala un po’ fisicamente. Però è l’unico a creare scompiglio.

Giovanni Simeone 5,5 – Ghiotta occasione nel primo tempo in mischia in area di rigore centra due volte gli avversari. Poi la solita garra e nulla più.

Marko Pjaca 5,5 – Evanescente. Il doppio passo riesce una volta sì e due no. Sul finale ha l’occasione per il pareggio ma Sepe para.

Arbitro Fabbri 4,5 – Gestione ‘allegra’ dei cartellini. Tre difensori viola su cinque (compreso Laurini) ammoniti. Episodio dubbio per Chiesa sfiorato dal portiere Sepe e soprattutto tocco di mano di un difensore parmense in area di rigore. Dopo la VAR l’arbitro dice no. Nella ripresa si fa irretire dalla smaccata perdita di tempo dei giocatori del Parma.

Articolo precedenteFiorentina Parma 3-0. L’ultima volta il sigillo di Salah. VIDEO.
Articolo successivoVAR Fiorentina Parma. Mano di Bastoni in area. Per Fabbri non è rigore. VIDEO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui