Fiorentina Lazio propone fra i duelli di interesse anche quello fra Chiesa e Immobile. Compagni di squadra in Nazionale, i due attaccanti sono alle prese con momenti diversi, ma accomunati dalle polemiche su presunte simulazioni.

Si avvicina la sfida Fiorentina Lazio e fra i tanti spunti di interesse anche il duello fra Federico Chiesa e Ciro Immobile. Il primo attaccante esterno e il secondo attaccante centrale, alle prese con periodi di forma diversi e accomunati loro malgrado da un ‘nemico’ comune.

Chiesa: Fiorentina Lazio per invertire il trend

L’attaccante della Fiorentina è stato sostituito lunedì sera a Brescia dopo essere stato ammonito per simulazione. Un peso per chi, a febbraio 2019, era entrato nell’occhio del ciclone per le accuse – note – del tecnico dell’Atalanta Giampiero Gasperini. Oltre al danno anche la beffa con la sanzione del giudice sportivo: “Ammonizione e ammenda di € 2.000 per CHIESA Federico (Fiorentina): per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria“. La precedente pausa per la Nazionale Italiana inoltre non aveva portato alcuna gioia all’esterno viola, anzi… Il classe 97 aveva dovuto lasciare il ritiro azzurro anticipatamente per un risentimento muscolare. Restando ancora a bocca asciutta sul fronte marcature: dall’esordio del 23 marzo 2018 (Italia-Argentina), in 15 partite Federico Chiesa non ha ancora segnato nessun gol. E anche in Serie A le cose non vanno molto meglio, un gol in 8 partite nonostante la quantità di tiri che lo vedono nelle prime posizioni come numero di tentativi verso la porta.

Immobile: Super Ciro è tornato

Diversa la situazione per Immobile. L’attaccante della Lazio ha ritrovato il gol in Nazionale, con un assist proprio di Chiesa, in occasione di Finlandia Italia. Una rete che mancava da due anni esatti e che aveva alimentato qualche polemica intorno al giocatore. Mentre in campionato, sono già 9 le marcature che gli permettono di essere in vetta alla classifica dei marcatori della Serie A.

Chiesa e Immobile nel mirino di Gasp

Come detto anche Immobile non è passato immune dalle accuse di essere un simulatore. L’accusatore è lo stesso sia per Chiesa che per l’attaccante laziale: il tecnico dell’Atalanta Giampiero Gasperini. Dopo la gara Lazio Atalanta, il mister orobico ha parlato di gara falsata dagli episodi, con riferimento ai due rigori concessi per atterramento in area proprio di Immobile. Ha fatto seguito una querelle che ha coinvolto anche le società. Con un comunicato di risposta della Lazio in difesa del proprio giocatore e contro risposta del Gasp.

Articolo precedenteFiorentina Lazio: arbitra Guida i precedenti con i viola
Articolo successivoVlahovic chiede spazio ma non pensa all’addio, per ora…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui