Fiorentina e giovani scommesse. Per adesso il solo Milenkovic sembra avere convinto Pioli. Lo Faso invece paga la concorrenza di esterni e fantasisti. E il suo futuro è incerto.

Vidic e Pastore come modelli di riferimento. Referenze degli osservatori internazionali tali da far sperare in due prossimi ‘crack’ del calcio internazionale. Così, fra le aspettative dei tifosi, questa estate sono arrivati alla Fiorentina Nikola Milenkovic (difensore serbo classe 1997) e Simone Lo Faso (fantasista palermitano classe 1998).

Milenkovic si inserisce sulla scia delle ‘corvinate’ nell’Est Europa. Un serbatoio di grandi colpi per il direttore Pantaleo Corvino che proprio dal Partizan Belgrado ha pescato giocatori come Stevan Jovetic, Adem Ljajic, Matija Nastasic. Ritenuto uno dei migliori talenti della sua generazione, è arrivato alla Fiorentina per 5 milioni di Euro. Un investimento importante che sembra cominciare a dare i primi frutti. Complici le assenze e gli infortuni dei due titolari del centro difesa, Astori e Pezzella, il giovane centrale ha maturato 3 presenze in Serie A e 1 in Coppa Italia. Dando prova di essere fisicamente e psicologicamente pronto per il calcio dei grandi.

Lo stesso non può dirsi di Simone Lo Faso che sembrava il colpo last minute dell’avaro calciomercato viola. In conferenza stampa aveva confermato di avere rinunciato a lusinghiere offerte straniere, Monaco, per giocarsi la propria chance a Firenze. E invece, per scelta tecnica, ha giocato soltanto 19 minuti a Benevento e altri 68 minuti con la Primavera. Lo scorso anno, con la maglia del Palermo, 12 le presenze in Serie A nelle quali aveva dato prova delle qualità tecniche che gli esperti gli conferiscono. Il ragazzo sta bene ed è pronto, ma nel suo settore la concorrenza è tanta: Saponara ed Eysseric fra i trequartisti, Dias, Chiesa Thereau fra gli esterni. Le scelte di Pioli per adesso tengono al margine del progetto il giovane palermitano. A fine stagione la Fiorentina dovrà decidere in merito al riscatto del suo cartellino, fissato a 2,5 milioni di Euro.

Tifosi e addetti ai lavori sperano che non si ripeta la storia vissuta con Ianis Hagi, tornato in patria con il solo valore della plusvalenza. In fondo, in una stagione come questa con nessun obiettivo da rincorrere ci vuole giusto un po’ di coraggio per provare la linea giovane. Il Bologna con Orsolini, il Verona con Kean e la stessa Fiorentina con Chiesa hanno dimostrato che qualche scommessa si può anche vincere!

 

 

 

 

 

Articolo precedenteFiorentina Juventus, il punto sugli infortunati: Laurini, Matuidi e gli altri.
Articolo successivoPrevisioni per Fiorentina Juventus: il meteo a Firenze e il clima al Franchi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui