Si chiamano Astori, Badelj e Chiesa le priorità di Corvino. Il direttore generale della Fiorentina alle prese con tre casi diversi.

Il primo nome è il più importante, per quello che può significare per la piazza e per le future ambizioni. Parliamo di Federico Chiesa. ‘Chiesino’ sta per legarsi alla maglia viola fino al 2022. Il prolungamento di un anno coinciderà con un consistente ritocco all’ingaggio. Dovrebbe essere, usiamo il condizionale per scaramanzia, una trattativa senza colpi di scena. La volontà delle parti pare limpida.

Poi c’è capitan Astori. I precedenti capitani, Pasqual e Gonzalo, anche loro difensori, hanno rotto con acredine e fra diversi tira e molla hanno lasciato Firenze da svincolati. Memore dei ‘casi’ spinosi appena citati, la volontà della società è quella di lavorare sul prolungamento di contratto per il centrale difensivo. Corvino spera entro il 2017 di poter consegnare alla maglia viola un altro ‘capitano di lungo corso’.

C’è urgenza, ma diversa, anche per Milan Badelj. Ad ogni sessione di calciomercato, il centrocampista croato ha la valigia in mano. Il procuratore Dejan Joksimovic, poi licenziato dal giocatore, si era messo apertamente in scontro con la Fiorentina. Quest’anno sembrava un anno di transizione verso lo svincolo contrattuale del 30 giugno 2018. Invece le prestazioni del calciatore e la volontà di Pioli di farne il cardine del centrocampo, hanno modificato le aspettative. Corvino starebbe lavorando al rinnovo di contratto.

Tre firme importanti sul futuro della Fiorentina per dare continuità ad un progetto che in questa stagione è alla fase di start up. Tre partite da vincere prima dell’inizio della finestra invernale di calciomercato, dal 3 al 31 gennaio 2018.

 

 

Articolo precedenteClan Simeone riunito per una festa speciale: il post del Cholo su Instagram.
Articolo successivoMontella e Sousa: ma davvero il viola porta sfortuna agli ingrati?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui