Fiorentina a Moena giorno due. La conferenza stampa di Antognoni. Il nastro del Viola Village.

Secondo giorno a Moena. Saluti ufficiali e inaugurazione del Viola Village. Le autorità della Val di Fassa e di Moena danno il benvenuto alla Fiorentina che si ritrova per la quinta estate nella splendida località fassana. Presenti: Edoardo Felicetti, sindaco di Moena, Michele Dallapiccola, assessore al Turismo della Provincia di Trento e Andrea Weiss direttore dell’APT. Il loro augurio è che il sodalizio con la Fiorentina possa continuare. Il territorio ha investito in attività di ricezione sportiva.

Per la Fiorentina ha parlato il Club Manager, Giancarlo Antognoni. Emozionato di tornare indietro nel tempo e di ritrovare l’aria del ritiro. Relativamente alla situazione attuale, ha sottolineato che la volontà della Società è quella di mantenere la squadra a certi livelli di competitività. Senza sbilanciarsi sull’obiettivo dichiarato, è parso di capire che l’Europa League, mancata di un soffio la scorsa stagione, potrebbe essere quello più ragionevole. Il ringiovanimento della squadra, con le partenze di Borja Valero, Ilicic e Gonzalo Rodriguez, è una linea di azione scelta. Gli uomini di mercato lavorano per trovare sostituti all’altezza. Poi un passaggio su Bernardeschi: “E’ chiaro che se Bernardeschi dovesse lasciare la Fiorentina, un sostituto allo stesso livello è difficile da trovare“.

Dopo la conferenza stampa, Giancarlo Antognoni, Stefano Pioli e le autorità locali si sono diretti al Viola Village per il taglio del nastro inaugurale.

Articolo precedenteCalciomercato Fiorentina è la Francia la nuova zona di caccia di Corvino.
Articolo successivoKalinic e Badelj: tanta voglia di partire, ma la destinazione è ignota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui