Dopo la nota ufficiale della Fiorentina contro le voci di mercato su Di Francesco al posto di Pioli, interviene il direttore del Corriere dello Sport chiamato in causa dalla società viola. Ecco la risposta ironica di Ivan Zazzaroni.

Continua il botta e risposta fra Fiorentina e Corriere dello Sport in merito alle voci di Eusebio Di Francesco al posto di Stefano Pioli. La nota ufficiale (LEGGI QUI) della società ha redarguito Alfredo Pedullà, il quale ha risposto in prima persona. Oggi invece la voce autorevole del direttore Ivan Zazzaroni con una risposta ironica che riportiamo:

Prendo atto della smentita della Fiorentina e considero la presenza dell’agente di Eusebio Di Francesco, Pietro Chiodi, a Firenze proprio nella giornata di giovedì assolutamente casuale, sapendo dell’inguaribile passione dello stesso per l’arte rinascimentale e la ribollita. Sono legato a Pantaleo Corvino da un’amicizia trentennale. Un professionista con oltre seicento partite in Serie A, quale è Corvino, non incontrerebbe mai l’agente di un giocatore o di un allenatore prima della fine del campionato e con il tecnico sotto contratto in scadenza. Lo fece nella primavera del 2017 sempre con Di Francesco e sotto Paulo Sousa, ma fu altrettanto casuale“.

Articolo precedenteCalciomercato Fiorentina: prestiti (in e out), innesti (giovani), plusvalenze (top).
Articolo successivoSerie A, plusvalenze fittizie? Il possibile nuovo terremoto…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui