Tifare per la Fiorentina è anche tifare contro la Juventus. Un sentimento che va oltre i torti sportivi…

Ad ogni vigilia di Juventus Fiorentina, sociologi sportivi e studiosi del costume si interrogano sulle motivazioni di una rivalità sportiva così sentita. Provinciali? Non è detto che sia una vergogna.

I principali furti sportivi

Raccontano gli almanacchi che le ingiustizie iniziarono nel 1928. La Fiorentina fu ripescata nella Divisione Nazionale, finendo nello stesso girone della Juventus. La squadra viola era formata soprattutto da dilettanti. A Torino, la Juventus – senza alcun fair play – infierì, vincendo per 11-0. Il giorno successivo, un quotidiano locale titolò: “Firenze, un… dici nulla?“. Se si butta sul campanilismo, con Firenze la si spunta male. L’onta fu tramandata.

Nel 1982: ultima giornata di campionato, il gol scudetto di Ciccio Graziani a Cagliari venne annullato per dubbi motivi. Scudetto bianconero. Fu l’anno di “Meglio secondi che ladri“.

Nel 1990 doppio scempio. La finale di Coppa Uefa fu giocata in campo ‘neutro’ ad Avellino. Arbitraggio maramaldesco. I bianconeri vinsero per 3-1. A fine partita Celeste Pin uscì gridando ai microfoni RAI: “Ladri“. Stesso anno. Altra ferita. Baggino, gioiello di casa viola, venduto all’acerrima rivale. Firenze si ribellò. Con lo spirito di chi non ci sta a farsi saccheggiare.

Oltre le ingiustizie

Ma i torti sportivi sono solo il carburante per un sentimento che è anche altro. La Juventus rappresenta il potere. Sportivo e non. Il Golia del calcio italiano. Firenze ha nel fiero David, che sconfisse il gigante, uno dei suoi simboli più conosciuti. La società bianconera è una vera multinazionale del calcio. Potrebbe avere sede a Torino, a Bolzano, a Reggio Calabria, ad Amsterdam. Non cambierebbe niente.

La scelta del nuovo logo lo dimostra: una J a strisce bianconere. Nessun richiamo ad un luogo o ad un simbolo. Non è così per il giglio della Fiorentina, il toro del Torino, la lupa della Roma, la scala del Verona etc. Insomma la Juventus è come il Big Mac: piace a molti e lo trovi ovunque. La Fiorentina è come il panino al lampredotto: lo mangi esclusivamente da queste parti e lo gusti davvero solo con un buon bicchiere di Chianti.

errebì72
Articolo precedenteAllegri: “Con le medie-piccole vietato sbagliare”. Fuori due titolari.
Articolo successivoStasera scende in campo il ‘cuore viola’. La prima maglia allo Stadium.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui