Il post della sorella di Bernardeschi che esalta il fratello per avere zittito lo stadio Franchi, lascia strascichi polemici. I fischi per l’ex sono un conto, rivolgersi a Firenze è un altro.

“Cari fiorentini, mi dispiace per voi ma come sempre ha dimostrato l’uomo e il calciatore che è. E ora tutti muti, please, stiamo godendo e non poco”. 

Così ha chiuso il suo post su Facebook la sorella di Federico Bernardeschi dopo la vittoria juventina maturata anche grazie ad un gol del di lei fratello. Nell’era dei social dove ognuno può, vivaddio, esprimere le proprie opinioni si dovrebbe però fare molta attenzione all’uso delle parole.

Per usare una metafora della lavorazione del marmo, vanto di Carrara città di origine della famiglia Bernardeschi, la parola può essere usata in maniera grossolana come fa il cavatore che stacca il pezzo di marmo grezzo, oppure può essere usata in modo raffinato come fa lo scultore che quella materia inerte trasforma in arte. Il paese di Carrara ha prodotto il marmo che Michelangelo fiorentino, così si firmava il genio rinascimentale nelle sue missive, ha trasformato nel David e nella Pietà. Il post in questione produce solo il rumore che fa la pietra quando ruzzola dalla cava.

Per ammutolire Firenze, città orgogliosa che – la storia insegna – ha retto assedi, affrontato alluvioni, subito bombardamenti e attentati, ci vuol altro che un sinistro infilato in una rete! Ferito ma mai domo il popolo fiorentino può ‘godere’ di ben altre fortune che quelle di legare le proprie sorti all’esito di una partita di calcio. Non basta un campo di pallone a dimostrare di che pasta è fatto un uomo. L’augurio è che la signora in questione lo sappia, altrimenti ci dispiace comunicarglielo ma ha ben poco di cui gioire.

Errebì72

 

Articolo precedenteFiorentina Juventus: le pagelle dei media sportivi. Top e flop della partita.
Articolo successivoGuida, il VAR e la gestione dei cartellini. I voti all’arbitro di Fiorentina Juve.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui