Rosario Abisso si prepara ad essere fermato dall’AIA per il rigore assegnato dopo il controllo VAR. Vertici Inter e media sportivi compatti. Ecco perché un errore contro la squadra sbagliata costa più caro…

Ha iniziato Spalletti con una conferenza stampa show (VIDEO), poi media televisivi (Sky) e siti internet di giornali sportivi (Gazzetta dello Sport e Corriere dello Sport) tutti uniti a gridare allo ‘scandalo’. Così anche Beppe Marotta, ex ds della Juventus, uno che di sviste a favore dovrebbe anche intendersene, attacca i vertici arbitrali e chiede che sia aggiustato il sistema VAR. Sollevazione giusta nel merito? Può darsi, anzi sportivamente diciamo che è così: il rigore concesso al 101′ alla Fiorentina non c’è, perché D’Ambrosio la colpisce col petto. E lasciamo perdere gli anche se: anche se il giocatore dell’Inter allarga il braccio in modo innaturale, quasi a controllare la palla dopo il primo rimbalzo. Anche se nell’azione del primo gol dell’Inter sembra che il marcatore Vecino avesse una spalla in fuorigioco. Anche se all’andata Hugo se la tocca, sottolineiamo se, la sfiora con il polpastrello dell’ultima falange del dito più piccolo…

Il fatto è che l’errore dovrebbe essere tale sia quando sbagli a favore che quando sbagli contro una qualsiasi squadra. Non esiste il ‘peso specifico’ dell’errore. E invece… Invece non è così. Ecco quindi che Rosario Abisso sarà con tutta probabilità fermato dall’AIA: uno stop di due, forse tre turni. Un punizione pesante. Non solo, segnalato come ‘sgradito’, è probabile che l’arbitro palermitano non sia più assegnato all’Inter fino al termine della stagione. Giovedì nel confronto settimanale a Coverciano, Abisso avrà la possibilità di chiarire la sua posizione con Rizzoli. Una posizione però di totale debolezza nei confronti di chi ha più voce in capitolo degli altri.

Errebì72
Articolo precedenteCoppa Italia, via alle semifinali: la Fiorentina chiede la carica ai tifosi.
Articolo successivoCielo rosso, bandiere viola e Davide Astori. Firenze è pronta! VIDEO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui